PR online

"Aumenta la notorietà del tuo brand"

people-with-megaphone-social-media-marketing-icons-min

Le pubbliche relazione online (o digital PR) riguardano tutte quelle attività online atte alla promozione di prodotti, servizi, progetti, eventi di organizzazioni o aziende attraverso relazioni digitali.

Come forse saprai, tempo fa i media erano principalmente cartacei, quindi parliamo della famosa rassegna stampa su carta come ad esempio riviste specializzate, testate giornalistiche nazionali o locali.

E ora tutto questo si è spostato nell’online, quindi non si parla più di PR o rassegna stampa ma di pubbliche relazioni online.

Ma nella pratica, come funzionano le pubbliche relazioni online?

Per prima cosa, devi avere qualcosa di notiziabile, ovvero che sia interessante per le testate giornalistiche online, (che potrebbero essere generaliste oppure riviste online verticalizzate), su uno specifico argomento o settore.

Quindi la notiziabilità è la parte fondamentale per riuscire ad ottenere delle pubbliche relazioni online, che non sono altro che pubblicazioni di articoli redazionali che parlano ad esempio della tua azienda.

E quand’è che un’informazione è notiziabile?

Perché è questa la vera sfida…cioè la vera sfida è avere cose notiziabili, interessanti per i giornalisti.

Ti faccio un esempio: se parliamo di un’azienda produttiva le informazioni notiziabili potrebbero essere un aumento del fatturato, della serie: “Azienda raddoppia il suo fatturato in un anno”, oppure il deposito di un brevetto, aver preso una grande commessa all’estero o magari aver acquisito un cliente importante.

Quindi chi si occupa di pubbliche relazioni online deve ovviamente conoscere i giornalisti, interfacciarsi con loro ma soprattutto essere un giornalista. Perché il giornalista conosce altri giornalisti, si mette in contatto loro e gli dice: “Salve, ho questa notizia tra le mani, vi piacerebbe essere tra i primi ad averla?”

Quindi le testate principali buttano fuori la notizia la prima volta e poi quelle minori la riprendono.

COSA FAREMO PER TE

Il nostro lavoro si divide in 2 fasi:

Fase 1: Definizione degli obiettivi e limiti mediatici

Il nostro obiettivo sarà quello di creare il tuo posizionamento mediatico e di aumentare la tua Brand reputation, definendo il tuo target/lettori da raggiungere (quindi i tuoi potenziali clienti) ed infine i tuoi limiti mediatici.

Ma facciamo un po’ di chiarezza…

Cosa intendiamo per posizionamento mediatico? E qual è la differenza con il posizionamento organico?

Con il posizionamento organico sui motori di ricerca catturiamo una domanda consapevole di avere un problema o che cerca una soluzione nel momento in cui ha uno specifico problema.

Ad esempio, una persona che scrive su Google: “serramenti in plastica per case in montagna”, sta cercando di risolvere un problema o trovare una soluzione per la sua casa in montagna.

Mentre le digital PR, invece, creano il posizionamento mediatico sulle testate giornalistiche, cioè uno spazio all’interno di una rivista di settore o generalista dove verrà inserito un tuo articolo. E una volta che uno o più tuoi articoli saranno pubblicati potrai dire sul tuo sito che sei stato pubblicato su quelle riviste.

In questo modo prendi in prestito l’autorevolezza di qualcuno per diventare anche tu autorevole.

Quindi uno che vede il tuo sito dice: “Wow, questo è stato visto sul Sole 24 ore, Milano Finanza, Focus” ecc.

Ma attenzione: quando acquisti un redazionale non puoi dire che sei stato visto su quella rivista, perché per dirlo devi fare in modo che qualche tuo redazionale venga pubblicato organicamente e non a pagamento. Altrimenti è illegale.

Se invece vuoi far sapere che sei stato pubblicato su una rivista popolare ma a pagamento dovrai specificare che non sei stato pubblicato a livello organico.

Cosa intendiamo invece per limiti mediatici?

Con il termine limiti mediatici intendiamo a chi potrebbe interessare quello che fa la tua azienda.

Ti facciamo un esempio: per un nostro cliente, operante nel settore del poliuretano, il target naturale sono le pubblicazioni settoriali come quelli inerenti alla meccanizzazione industriale.

In pratica, questo nostro cliente applica il poliuretano sui tetti. Ma i limiti mediatici sono che il target naturale sono pubblicazioni settoriali come quelli inerenti alla meccanizzazione industriale.

Quindi le aziende che producono macchinari saranno interessati al lavoro del nostro cliente e non tanto chi applica del poliuretano sui tetti, perché non è notiziabile.

A meno che quest’azienda ad esempio non metta a punto un brevetto o un composto particolare che magari permetta di fare lo stesso lavoro in metà tempo e di aumentare la sua durata, perché questo sarebbe notiziabile.

Fase 2: la pianificazione

In questa fase ti chiederemo l’invio di tutto il materiale a disposizione per poter in seguito ricercare i possibili angoli notiziabili, ovvero gli aspetti più funzionali per approdare sui media online.

Questo è un aspetto primario se non si hanno rassegne stampa pregresse già strutturate.

In seguito andremo ad individuare una strategia di ampio respiro:

A livello strategico, seguiremo due strade parallele:

  1. Una linea generale: cercheremo di capire su quali media i tuoi prodotti o servizi si possono articolare;
  2. Una flessibilità massima che consenta di integrare novità come nuove assunzioni, certificazioni, premi, beneficienza, nuove collaborazioni in Italia e internazionali, impatto sul territorio;

Ora, sappi che il nostro lavoro non termina qui. Quindi se hai deciso di aumentare la tua visibilità e notorietà e sbaragliare la tua concorrenza fissa una consulenza GRATUITA presso i nostri uffici di Padova.

Ti spiegheremo tutto quello che andremo a fare nello specifico analizzando la tua situazione attuale e cercando di capire quali possono essere i tuoi angoli notiziabili.

Ti aspettiamo!

people-with-megaphone-social-media-marketing-icons-min

Chiedici come possiamo aiutarti a migliorare il tuo business

Viale dell'Industria 60/B
35129 Padova


    Open chat
    Richiedici una consulenza gratuita!