“Perché i clienti non aprono le email che invio?”

e-mail marketing

Sara Ceo di un’importante azienda veneta ci ha posto questa domanda. 

Se sfruttato a dovere, l’e-mail marketing porta ad ottimi KPI. Alcuni errori elementari, però, conducono i clienti a scappare a gambe levate dalle newsletter delle aziende: vediamo insieme alcuni esempi di attività o pratiche da evitare che noi per primi  abbiamo utilizzato con Sara e la sua problematica.

Le parole sono importanti (e anche la punteggiatura).

Mai e poi mai scrivere e-mail che sembrano spam: queste sono la morte dell’interazione con l’azienda che le spedisce. Ad esempio, utilizzare in modo estremo i punti esclamativi e il caps lock indica un atteggiamento aggressivo: ricorda che stai scrivendo una e-mail per fidelizzare il cliente, non per minacciarlo!

Mobile First, anche per le e-mail.

Inviare una newsletter che risulta illeggibile da mobile è un suicidio. Perché? Se pensi che le aperture da mobile oggi rappresentano il 58% del totale forse ti è chiaro il motivo.

L’oggetto della mail, questo sconosciuto

Ti impegni tantissimo a scrivere un testo meraviglioso per la tua e-mail e poi trascuri di curare l’oggetto, finendo per rovinare tutto. Tiene sempre a mente che l’oggetto della mail è la prima cosa che una persona vede quando riceve il tuo messaggio, ed è l’anticipazione di quello che ci sarà scritto al suo interno!

Cerca di essere stimolante, invoglia il destinatario ad aprire il tuo messaggio: evita toni di voce da venditore aggressivo e frasi troppo lunghe.

La caccia al tesoro per la disiscrizione

Cerca di rendere ben visibile il link per la cancellazione alla newsletter: non tenere in ostaggio un utente se non vuole ricevere più le tue e-mail! Ricorda che l’utente può anche segnalarti come spam, se non trova il link che lo porta alla pagina di disiscrizione.  Vale veramente la pena di rischiare così tanto?

Troppe e-mail (o troppo poche)

In medio stat virtus: la lingua latina ci viene in soccorso per ricordarci che l’equilibrio e il compromesso sono sempre graditi. Cerca di non bombardare i clienti con decine di email al mese e, al contrario, evita di inviare 2 newsletter all’anno: non sono strategie che funzionano!

Segmenta

Se il tuo pubblico è composto da una clientela eterogenea (ad esempio, nel caso tu gestisca un e-commerce) non fare l’errore di inviare newsletter uniche a tutti gli iscritti. Devi segmentare il pubblico, inviando comunicazioni ad hoc per ogni gruppo. Dividi per genere, età, interessi o affinità di acquisto: insomma, la newsletter non è una taglia unica!

Prima di inviare, testa

Un altro errore comune quando si inviano newsletter è dovuto alla fretta e alla superficialità per le quali si finisce sempre per non effettuare i test di invio. Tutti i maggiori tool per l’e-mail marketing hanno questa funzione di test! Prima di inviare il messaggio a centinaia o migliaia di persone, manda un test sulla tua casella di posta o a quella di un collega. Verifica attentamente che non ci siano errori e che tutti i dettagli siano curati!

Allora,  Sara commetteva tutti questi errori, dopo un’attenta analisi e valutazione siamo riusciti a sistemare il problema alzando l’indice di apertura delle email del 52% in un solo mese di attività. 

Quanti di questi errori, invece, hai commesso tu  inviando newsletter ai tuoi clienti? Se vuoi un servizio di e-mail marketing che funzioni davvero e che porti a risultati tangibili, contatta il nostro team di esperti !

Chiedici come possiamo aiutarti a migliorare il tuo business

Viale dell'Industria 60/B
35129 Padova


    Open chat
    Richiedici una consulenza gratuita!